GB. Impiegato va a fare il bucato e sventa incidente in centrale nucleare

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

GB. Impiegato va a fare il bucato e sventa incidente in centrale nucleare

12 Giugno 2009

Disastro nucleare sventato grazie ad un impiegato che aveva deciso di farsi il bucato: è successo in una centrale nel Suffolk, dove un dipendente che si era recato nella lavanderia automatica a disposizione nell’impianto, si è accorto di una perdita di materiale radioattivo e ha dato l’allarme.

Nonostante decine di migliaia di litri di liquido radioattivo fosse già fuoriuscito da un condotto difettoso, nessuno dei sistemi d’allarme aveva captato la perdita e parte del materiale si era già riversato nel mare del Nord. Il primo controllo di sicurezza sarebbe stato fatto soltanto dopo 10 ore e in quell’arco di tempo l’impianto avrebbe potuto surriscaldarsi a causa della fuoriuscita del liquido. Se avesse preso fuoco, sarebbe stato il disastro.

L’incidente si è verificato nel gennaio del 2007, ma i giornali ne danno notizia soltanto oggi dopo che John Large, un ex consulente dell’industria nucleare che ora si batte per la chiusura dei reattori nucleari Sizewell sulla costa del Suffolk, è riuscito ad ottenere i documenti relativi all’incidente grazie alle leggi sulla libertà d’informazione. Sizewell A, l’impianto dove si è verificato l’incidente è in fase di smantellamento. A parte uno, tutti gli altri verranno chiusi entro il 2023.