Gb. Scozia: laburisti sconfitti alle elezioni suppletive

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Gb. Scozia: laburisti sconfitti alle elezioni suppletive

25 Luglio 2008

Il partito laburista del primo ministro britannico Gordon Brown ha perso una cruciale elezione suppletiva in Scozia, nella circoscrizione di Glasgow est, roccaforte del partito. I risultati sono stati resi noti oggi.

Contro ogni previsione, è stato infatti il Partito nazionalista scozzese (Snp) ad aggiudicarsi il seggio di Westminster, lasciato libero dal dimissionario David Marshall, laburista.

John Mason, candidato nazionalista, ha ottenuto 11.277 voti (43,08%), 365 in più della laburista Margaret Curran (10,912, pari al 41,69%). Una sconfitta umiliante per i laburisti, anche alla luce del crollo di consensi (-18,99%) rispetto alle elezioni del 2005; i nazionalisti, invece, hanno ottenuto il 26,06% di voti in più. I risultati definitivi sono arrivati solo in piena notte a causa del riconteggio chiesto dal candidato laburista, che temeva che i suoi voti fossero stati assegnati erroneamente a Frances Curran, candidata del Partito socialista scozzese. Il nuovo conteggio ha invece aumentato il divario tra i due maggiori contendenti, da 354 a 365 voti. L’affluenza alle urne è stata del 42,25%.

Il nuovo deputato, John Mason, ha dichiarato a caldo: "Questa vittoria dei nazionalisti scozzesi non rappresenta soltanto un terremoto. E’ una vittoria epica e le sue scosse saranno avvertite sino a Westminster. E’ arrivato il momento di cambiare" ha concluso.