Giallo a Milano. Sacerdote carbonizzato in auto nell’autostrada A4

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Giallo a Milano. Sacerdote carbonizzato in auto nell’autostrada A4

20 Marzo 2009

Il corpo carbonizzato trovato poco prima delle 22 di giovedì sera in un’auto bruciata nell’area di servizio Brianza Nord sull’autostrada A4 Milano-Venezia in direzione del capoluogo lombardo, è di don Silvano Caccia, 54 anni, parroco di Giussano (Milano). 

L’auto, alimentata a gpl, è andata a fuoco poco dopo le 20 di ieri. Alcuni clienti dell’autogrill hanno segnalato l’incendio, ma i vigili del fuoco intervenuti sul posto hanno potuto solo spegnere le fiamme.

Il sacerdote, che stava rientrando da un viaggio in Trentino, potrebbe aver accidentalmente lasciato cadere una sigaretta accesa o l’incendio potrebbe essere stato causato da un malfunzionamento del vecchio motore a gas. Ma al momento gli inquirenti non escludono alcuna pista investigativa.

Don Silvano Caccia è stato per anni collaboratore e portavoce dell’ex arcivescovo di Milano, Carlo Maria Martini, ed è stato responsabile del servizio per la Famiglia della Curia di Milano.

Don Silvano Caccia era nato a Trezzo sull’Adda (Milano) e in ottobre avrebbe compiuto 55 anni. Era stato ordinato sacerdote nel 1982. Laureato in pedagogia, aveva insegnato al seminario arcivescovile di Venegono e nel 2001 il cardinale Carlo Maria Martini l’aveva messo a capo del Servizio per la famiglia della curia di Milano. Nell’ottobre scorso aveva assunto la responsabilità della comunità pastorale di Giussano, che comprende cinque parrocchie. Don Caccia era andato in Trentino mercoledì per gli esercizi spirituali, ma aveva deciso di fare rientro a Giussano a bordo della sua Punto alimentata a gas.

La scorsa notte alla camera mortuaria dell’ospedale di Gorgonzola (Milano) si è recato a pregare anche l’arcivescovo di Milano, cardinale Dionigi Tettamanzi, di cui don Caccia è stato per anni stretto collaboratore. Tettamanzi lo scorso gennaio l’aveva inviato a Città del Messico per l’incontro mondiale delle famiglie in vista del prossimo appuntamento che si terrà a Milano nel 2012.