Home News Governo, Milleproroghe: sì alla rottamazione di auto e elettrodomestici

Governo, Milleproroghe: sì alla rottamazione di auto e elettrodomestici

0
36

Insieme al pacchetto sicurezza è stato approvato oggi dal CdM il decreto 'milleproroghe'. Tra le misure previste anche gli incentivi per la rottamazione delle auto euro2 e degli elettrodomestici.

Nello stesso disegno di legge, ha aggiunto il ministro dell'ambiente Pecoraro Scanio uscendo da Palazzo Chigi, "abbiamo chiesto un impegno politico al governo a inserire nel decreto di conversione di milleproroghe o in altro provvedimento lo stanziamento per i mille vagoni per i pendolari".

I nuovi incentivi alla rottamazione delle auto piu' inquinanti, il prossimo anno, saranno estesi anche alle autovetture Euro2 con oltre dieci anni, immatricolate cioe' fino al primo gennaio 1997. E' quanto si apprende da fonti ministeriali. I nuovi incentivi intendono rafforzare il carattere ambientalista del provvedimento: a beneficiarne non saranno solo coloro che acquistano un'auto nuova ma anche coloro che rottamano la vecchia auto senza sostituirla. Per costoro, spiegano le stesse fonti, sono previsti una serie di sconti per l'utilizzo dei mezzi pubblici come anche per il "car sharing".

Per chi acquista una nuova auto rottamando la vecchia, e' previsto uno sconto legato alle emissioni di anidride carbonica (Co2). In particolare, sono previsti 700 euro per chi acquista un'auto Euro4 o Euro5 a benzina con un'emissione di Co2 al di sotto dei 140 grammi al chilometro. Un analogo incentivo e' previsto per i diesel con un'emissione di Co2 al di sotto dei 130 grammi al chilometro

Con la proroga della rottamazione di auto e motocicli "abbiamo rafforzato, rispetto allo scorso anno, gli obiettivi ambientali, favorendo un parco auto decisamente piu' ecosostenibile e intensificando le misure che incentivano il ricorso al trasporto pubblico locale", ha commentato il ministro dello Sviluppo economico, Pier Luigi Bersani,

Questa decisione, spiega il ministro, "va a completare le scelte gia' fatte nella finanziaria di quest'anno, vale a dire piu' rinnovabili, piu' risparmio energetico negli edifici e nelle industrie. Cosi' si saldano i grandi obiettivi di tutela ambientale con la qualificazione dei consumi, lo stimolo alla crescita e all'occupazione".



  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here