Haiti. Ancora vittime del colera, scontri con i Caschi Bli che sparano: 2 morti

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Haiti. Ancora vittime del colera, scontri con i Caschi Bli che sparano: 2 morti

16 Novembre 2010

Due uomini sono morti ieri ad Haiti colpiti da pallottole in seguito a scontri tra caschi blu e manifestanti che protestavano contro il contingente dell’Onu, accusato di aver diffuso l’epidemia di colera. Lo si è appreso da fonti giudiziarie e di polizia mentre l’Onu ha riconosciuto di aver sparato per legittima difesa contro uno dei manifestanti, uccidendolo.

Il cadavere di un giovane di 20 anni è stato trovato davanti a una base della missione dell’Onu ad Haiti (Minustah) a Quartier-Morin, una località della periferia di Cap-Haitien, nel nord di Haiti. Lo ha reso noto il giudice di pace Bimps Noel, che ha constatato il decesso.

La base militare dell’Onu, dove si trovano caschi blu cileni, è stato teatro di scontri per tutta la giornata di ieri. "In un primo momento hanno sparato per disperdere i manifestanti, poi, ho avuto l’impressione che avessero mirato ad altezza uomo", ha detto il giudice di pace Bimps Noel. La vittima sarebbe stata in possesso di un’arma e, prima di morire, "avrebbe sparato in direzione di un soldato", che non è rimasto ferito. Un altro giovane uomo è morto in un’altra zona di Cap-Haitien, durante altri scontri tra la popolazione e i militari dell’Onu. "Quattordici persone sono rimaste ferite, due di loro versano in gravi condizioni", ha precisato una fonte della polizia.

I manifestanti hanno messo a fuoco un commissariato ed hanno bruciato numerose vetture che si trovavano all’interno. Tutte le scuole della città sono state chiuse, dopo il rifiuto della gente del posto di mandare i loro bambini per timore del contagio del colera.

I Caschi Blu nepalesi sono accusati dalla popolazione haitiana di avere propagato l’epidemia di colera che ha colpito il paese. "Circa 400 persone si sono radunate davanti all’ufficio dell’Onu ma la manifestazione è stata dispersa senza troppe difficoltà", ha detto un portavoce di Minustah. Il coordinatore dell’azione umanitaria delle Nazioni Unite ad Haiti, Nigel Fisher, ha detto che il Colera, che in un mese ha provocato 917 morti e 14.600 contagiati, potrebbe "durare anni".

L’epidemia "durerà certamente mesi, addirittura anni visto che ci troviamo su un territorio sconosciuto", ha dichiarato Fisher precisando di attendersi "un aumento significativo dei casi di contagio".

Venerdì scorso, l’Onu ha lanciato un appello per la raccolta di 164 milioni di dollari per contrastare l’epidemia. "Abbiamo assolutamente bisogno di questi soldi al più presto per evitare di essere sopraffatti", ha detto in conferenza stampa Elisabeth Byrs, portavoce dell’Ufficio di coordinamento degli affari umanitari dell’Onu. Nel corso delle prossime settimane "oltre 200mila persone potrebbero mostrare i sintomi del colera, che vanno dalla diarrea leggera alla grave disidratazione", ha precisato l’Onu.