Home News I pizzardoni di Roma e il ponte sullo stretto

L'uovo di giornata

I pizzardoni di Roma e il ponte sullo stretto

1
34

Mi convinco ogni giorno di più che questo nostro paese è irriformabile e in defintiva ingovernabile. Prendo ad esempio un fatterello di cronaca romana che la dice lunga. La giunta comunale lo scorso aprile ha approvato una delibera con la quale si stabiliva di cambiare nome ai vigili urbani: da Polizia Municipale a Polizia di Roma Capitale. Non una grande riforma, forse un piccolo rifrullo di vanità, magari c'erano cose più urgenti da fare, ma alla fine cosa fatta capo ha. Invece questo semplice cambio di nome rischia di costare al Comune di Roma ben 50 milioni di euro.

Ha cominciato a protestare l'Ospol, l'organizzazione sindacale delle polizie locali, alla quale il colpo di mano della giunta non è piaciuto. Forse non sono stati consultati con i dovuti crismi, non si sarà fatto un "tavolo" di mediazione, qualche dirigente si sarà sentito scavalcato. Così l'Ospol ha cominciato a tirare fuori norme e cavilli e  - come ti sbagli  - ha presentato ricorso al Tar.

Se il sindacato ottenesse soddisfazione dal tribunale amministrativo la prima conseguenza sarebbe che tutte le multe elevate da giugno in poi con la dicitura "Polizia di Roma Capitale" sarebbero nulle e il comune perderebbe introiti per circa 50 milioni di euro.

In men che non si dica si sono fatte avanti le organizzazioni dei consumatori, pronte a "sostenere tutti i ricorsi". Dice l'Adoc: "I nostri legali sono già al lavoro, siamo a disposizione dei cittadini, chiunque voglia fare ricorso può venire da noi". Sai che pacchia? Migliaia di automobilisti ansiosi si liberarsi del peso delle contravvenzioni sono sempre un bel parco clienti per le associazioni di categoria e per il loro "legali".

Così il dibattito infuria: in giunta e sui giornali, l'opposizione al Sindaco ci va a nozze e minaccia di chiamare in causa la Corte dei Conti per "danno erariale". Non ci si fa mancare nulla.

Ora capirete, in un paese in cui è impossibile cambiare nome ai pizzardoni volete che si possa costruire il Ponte sullo Stretto?

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Quello che più mi
    Quello che più mi intristisce in questa vicenda è che molti automobilisti, giustamente multati per infrazioni realmente commesse faranno ricorso e l’avranno vinta secondo la regola che il furbo vince e l’onesto è sempre e solo un imbecille.
    Quando potremo cambiare questi italiani così sempre gaglioffi ed pronti ad indignarsi per i comportamenti altrui e mai per le proprie bassezze?

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here