Home News Il grillino Bono e la vergogna dei cospirazionisti sull’Irak

Tutte le News

Il grillino Bono e la vergogna dei cospirazionisti sull’Irak

0
2

Complottismo malattia infantile del grillismo. "Non ho mai inteso collegare il video della decapitazione del giornalista Usa alla visita di Renzi", scrive su Facebook Davide Bono, consigliere M5S del Piemonte, dopo il tweet in cui aveva detto "Ma non è un po’ una coincidenza che il video della decapitazione del giornalista americano sia uscito proprio oggi???". Su Twitter gli utenti irridono al 'complotto' grillico, uno scrive a Bono "Hai vinto un biglietto gratuito per andare a discutere di pace con i militanti dell’Isis", finchè il consigliere 'rettifica' su Facebook, scrivendo (peggio me sento): "il giornalista potrebbe essere stato brutalmente ammazzato mesi o settimane fa ed il video essere un falso Usa per giustificare i bombardamenti all’opinione pubblica Usa e Gb". Il 34enne Bono, però, non è solo nella foia complottarda. Blog e attivisti cospirazionisti in rete scrivono di tutto, parlando di "falso bersaglio" a proposito della decapitazione di Foley, accusando Hillary Clinton e la CIA di finanziare l'Isis (la "password 360"), oppure che il califfo al-Baghdadi sarebbe un agente del Mossad di nome Elliott Shimon. Cosa non si farebbe per trovare altre spiegazioni alla realtà dei fatti: il fascismo islamico ha fatto un'altra vittima. Obama e gli Usa non trattano col terrorismo.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here