Home News Il Pdl sceglie Gianni Chiodi e si prepara a costruire il dopo-Del Turco

Elezioni in Abruzzo

Il Pdl sceglie Gianni Chiodi e si prepara a costruire il dopo-Del Turco

4
47

La fumata bianca è arrivata ufficialmente oggi  alle 12.30, sia pure dopo tante indiscrezioni più o meno fantasiose. Sarà Gianni Chiodi il candidato Presidente del Popolo della Libertà per la Regione Abruzzo. La scelta dunque, che nelle ultime ore era apparsa controversa per il fronteggiarsi di due nominativi di eguale valore e la contestuale necessità di chiarimento sui futuri assetti per la guida del partito in Abruzzo, è caduta sul giovane (ex) Sindaco di Teramo che l’ha spuntata sul Senatore Filippo Piccone. Proprio ieri mattina, quest’ultimo, aveva avuto un lungo colloquio riservato con il Presidente Berlusconi alla presenza del "supervisore" di Forza  Italia per l’Abruzzo Gaetano Quagliariello chiamato a risolvere  le controverse situazioni regionali.

Alla fine si è stabilito che sarà  Chiodi il candidato governatore d’Abruzzo, mentre Piccone – indicato da Berlusconi come prossimo Coordinatore regionale del Pdl regionale – lavorerà insieme al segretario regionale di An, il Sen. Fabrizio di Stefano, per coordinare elaborazione delle liste e strategie della campagna elettorale. Una ri-composizione politica ad ampio raggio, quindi,  che sostanzialmente appare mettere tutti d’accordo e così far resistere un clima di concordia, alimentato oltretutto da fondate speranze di successo.

Alla fine, pertanto, il Pdl ha puntato sul giovane amministratore “senza tessera” preferendolo all’altrettanto giovane azzurro che però vantava una “lunga” militanza, essendo peraltro al secondo mandato in Senato. Una scelta finale che gli analisti giudicano favorevolmente anche in considerazione della necessità inderogabile di presentare volti “ampiamente rassicuranti” ad un elettorato generalmente disorientato dagli scandali della casta locale. Dunque adesso per il Pdl la marcia elettorale può cominciare. Gli auspici sono i  migliori possibili, dopo le macerie del post-Del Turco e a fronte di un PD ancora impelagato nelle scelte di nomi e alleanze, con una lanciatissima Italia dei Valori  che – di suo – ha già presentato il proprio candidato (il deputato pescarese Carlo Costantini) escludendo alleanze e con l’Udc al palo dopo il no di Berlusconi ad apparentamenti con il PdL.

Lo scontro ovviamente sarà prevedibilmente aspro sui programmi, sulla serietà e capacità di candidate e candidati e non potrà purtroppo fare a meno del rinfacciarsi – tra altalenanti sprazzi di giustizialismo e garantismo - di scandali tangentizi veri o presunti. In casa Pdl, però, pare davvero esservi la  seria consapevolezza di dover assumere la responsabilità di dare all’Abruzzo un reale buon governo con  progetti ed azioni credibili ed efficaci. Ed in  fondo, l’ottimismo in tal senso, tra i dirigenti Pdl è alle stelle. Non è un caso se per la presentazione ufficiale del candidato Presidente Chiodi è già stata fissata la data: venerdi 17. Meridionali forse, superstiziosi certo no.

 

  •  
  •  

4 COMMENTS

  1. candidatura gianni chiodi
    credo che la candidatura di chiodi sia ottima,ed ottima è stat la scelta di berlusconi di affidare a due giovani seri la organizzazione delle liste. spero di non sentire più parlare alcuni personagggi che seppure di destra non sono affatto graditi all’elettorato.
    buon lavoro a tutti

  2. Non conosco situazione
    Non conosco situazione particolare abruzzese ma trovo giusto non apparentarsi con UDC.Troppo comodo per i furbetti di Casini fare opposizione a Roma a Berlusconi e voler partecipare alla spartizione del potere locale, soprattutto dove c’è speranza di vincere: il PDL incrementa i voti grazie alle scelte del governo e di questo vuole approfittare chi ha avversato quelle scelte? Ma ci hanno presi per cretini? Stiano, stiano all’opposizione gli udicini, la politica dei due forni è finita.Fortunatamente Berlusconi, dopo tanti calci negli stinchi, si è fatto più furbo.

  3. DISCONTINUITA’
    Discontinuità
    E’ il segnale che ci aspettiamo. Per una volta affidarsi a Carlo Costantini. Discontinuità.

    Voglio cambiare e respirare un’aria nuova.
    Forza Carlo Costantini, figura decisa, non imposta, per il bene degli abruzzesi.

    Grazie IDV voglio credere in voi.

  4. Discontinuita’
    Discontinuità
    E’ il segnale che ci aspettiamo. Per una volta affidarsi a Carlo Costantini. Discontinuità.

    Voglio cambiare e respirare un’aria nuova.
    Forza Carlo Costantini, figura decisa, non imposta, per il bene degli abruzzesi.

    Grazie IDV voglio credere in voi.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here