In attesa del Recovery Fund… la UE si occupa di “genitorialità” gay

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

In attesa del Recovery Fund… la UE si occupa di “genitorialità” gay

In attesa del Recovery Fund… la UE si occupa di “genitorialità” gay

12 Novembre 2020

In piena pandemia, in piena crisi economica, in piena recrudescenza del terrorismo islamico, la Commissione europea ha individuato la sua priorità “per i prossimi cinque anni”: una normativa “sul riconoscimento reciproco della genitorialità in situazioni transfrontaliere”, nel quadro di “una strategia Ue per l’uguaglianza delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender, non binarie, intersessuali e queer (LGBTIQ)”.

L’annuncio è arrivato in pompa magna da parte della stessa commissione, secondo la quale la crisi Covid avrebbe “aggravato ulteriormente” una situazione nella quale “il 43 per cento delle persone LGBTIQ dichiara di sentirsi discriminato”. Di qui la proposta di “misure giuridiche e finanziarie” per, tra l’altro, “estendere l’elenco dei reati dell’Ue ai crimini d’odio, compreso l’incitamento all’odio omofobico” e garantire “che le preoccupazioni delle persone LGBTIQ siano adeguatamente rispecchiate nella definizione delle politiche dell’Ue”. E, appunto, abbattere anche le (poche) residue barriere giuridiche statuali sulla “genitorialità”.

Insomma: in attesa del Recovery Fund, becchiamoci l’utero in affitto.