Indonesia. Almeno 108 morti per tsunami seguito a terremoto

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Indonesia. Almeno 108 morti per tsunami seguito a terremoto

26 Ottobre 2010

È di almeno 108 morti e 500 dispersi il bilancio dell’onda di tsunami abbattutasi ieri sera sulla parte meridionale dell’isola di Sumatra, nel sud-ovest dell’Indonesia, in seguito a un terremoto di magnitudo 7,7 verificatosi 78 chilometri al largo dalla costa. Intanto anche l’eruzione del vulcano Merapi, a Giava, è cominciata, aggravando ulteriormente le già difficili condizioni. Lo hanno annunciato i vulcanologi precisando che sono stati emessi a tre riprese nuvole e ceneri vulcaniche.

Lo riferiscono ufficiali impegnati nelle operazioni di soccorso. Non risultano italiani coinvolti, ha detto la Farnesina. Lo tsunami ha "spazzato almeno 10 villaggi" nella catena delle isole Mentawai, paradiso dei surfisti di tutto il mondo, colpendo in particolare il villaggio di Betu Monga, dove 160 sui 200 abitanti – in maggior parte donne e bambini – sono dispersi e l’80% delle case è stato seriamente danneggiato. Risultano dispersi anche 8-10 surfisti australiani, la cui barca è irraggiungibile via radio. Sull’isola di South Pagai, l’acqua è penetrata fino a 600 metri dalla costa, raggiungendo i tetti delle case.

Secondo un testimone di un resort per surfisti sull’isola di North Pagai, anchèessa duramente colpita, onde alte fino a tre metri hanno distrutto la struttura, facendo cozzare le barche una contro l’altra fino al divampare delle fiamme. Un funzionario governativo locale, intervistato dall’emittente Metro Tv, ha spiegato che parte dei dispersi potrebbe aver cercato rifugio sulle colline circostanti. Mentre il bilancio delle vittime sembra destinato ad aumentare, man mano che i villaggi della zona vengono raggiunti, la Farnesina ha fatto intanto sapere che non risultano italiani coinvolti. Il sisma, registrato alle 21.42 di ieri sera (le 16.42 in Italia) a ovest di Sumatra a 14 chilometri di profondità, aveva fatto scattare l’allarme tsunami, fatto rientrare poco più di un’ora dopo dalle autorità indonesiane. Intanto, cresce la preoccupazione per un altro disastro che potrebbe potenzialmente interessare l’Indonesia: l’eruzione del vulcano Merapi, a Giava, è "imminente" secondo gli esperti che temono effetti devastanti.