Intercettazioni. D’Alema: “Si all’istanza della Forleo”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Intercettazioni. D’Alema: “Si all’istanza della Forleo”

26 Luglio 2007

In una lettera a Carlo Giovanardi, presidente della Giunta per le autorizzazioni della Camera, Massimo D’Alema giudica “tanto gravi quanto palesemente infondate” le accuse a lui rivolte dal Gip milanese Clementina Forleo. Si dichiara comunque disponibile ad ogni decisione della Giunta.

Il Ministro degli Esteri conferma la sua “assoluta estraneità” ai fatti criminosi e si dice “interessato più di ogni altro” alla verità, per raggiungere la quale D’Alema sarebbe pronto a collaborare con la magistratura.

Proprio per questo motivo, il vice-presidente del Consiglio fa sapere a Giovanardi che “condividerà ogni decisione” del Parlamento, anche se in tale sede si dovesse accogliere l’istanza della Forleo.