Iran, Ahmadinejad: “Se ci attaccano risponderemo”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Iran, Ahmadinejad: “Se ci attaccano risponderemo”

17 Novembre 2007

L’Iran è pronto a rispondere ad un’eventuale azione militare, nonostante difficilmente ci potrà essere “ una guerra nella regione”. È quanto ha detto oggi il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad, che si trovava nel Bahrein.

Inoltre, ha precisato: “Noi non abbiamo mai voluto alcuna guerra nella regione, ma, sull’altro fronte, abbiamo fatto tutti i preparativi e, nel caso in cui ci fosse qualche sospetto in proposito, diciamo allora che siamo pronti”. Tuttavia, ha aggiunto Ahmadinejad: “Voglio confermare di nuovo che non penso che ci sarà una guerra nella regione”. Secondo il presidente iraniano infatti  gli Stati Uniti non avrebbero alcun fondamento politico, militare o economico per attaccare l’Iran. A suo avviso inoltre l’apparato militare americane sarebbe “in cattivo stato”. Ancora, il presidente iraniano ha contestato la definizione di “crisi” per il contenzioso in corso con l’Occidente sul suo programma nucleare: “Non ritengo ci sia una crisi nella regione…e così gli altri Paesi…noi pensiamo che la crisi sia a Washington”.