Iraq, polizia ammette: “Al Qaeda si è infiltrata tra i nostri uomini”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Iraq, polizia ammette: “Al Qaeda si è infiltrata tra i nostri uomini”

27 Giugno 2008

«Ora abbiamo le prove che i terroristi di al-Qaeda sono riusciti ad infiltrarsi all’interno delle forze di sicurezza irachene»: è con queste parole che il capo della polizia di Falluja.

Il suo nome è Faysal al-Zubei e ha commentato così,  col giornale ‘al-Hayat’, l’attentato kamikaze avvenuto ieri nel consiglio comunale di al-Karma, a ovest di Baghdad, nel quale sono morte 25 persone tra cui 11 capi dei Consigli del Risveglio locali e il sindaco della cittadina.

«Stiamo soffrendo troppo per queste loro infiltrazioni – aggiunge – ed è questo il problema principale che causa tutti questi attentati kamikaze».

L’attentato di ieri ad al-Karma è il terzo della settimana contro amministratori locali. Nei giorni scorsi la polizia ha arrestato due terroristi che si erano infiltrati nei Comitati del Risveglio di al-Anbar.

Proprio grazie alla nascita di questi comitati tribali per dare la caccia ai terroristi che si erano ottenuto importanti successi sul fronte della sicurezza e per questo gli uomini di al-Qaeda hanno deciso di infiltrarsi al loro interno. L’attentatore che si è fatto saltare in aria ieri ad al-Karma è riuscito a penetrare all’interno del consiglio comunale durante un’importante riunione proprio perché indossava una divisa da poliziotto.