Iraq, rappresaglia sciita uccide 45 civili sunniti

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Iraq, rappresaglia sciita uccide 45 civili sunniti

28 Marzo 2007

All’alba un
commando armato composto da poliziotti sciiti fuori servizioha fatto irruzione in un quartiere
sunnita di Tal Afar, cittadina irachena situata 420 chilometri a nord di
Baghdad. Secondo quanto riferisce la polizia irachena si tratterebbe di una rappresaglia dopo gli attentati  di ieri a Tal Afar, che hanno causato la morte di 75 persone.
Ancora non si è certi del numero delle vittime, ma fonti ospedaliere riferiscono di aver ricevuto i corpi di 45 civili, bendate e con le mani legate e uccise a colpi di
arma da fuoco. Adesso la situazione sembra sotto controllo, almeno così riferisce Wathiq
al-Hamdani, capo della polizia, gli
agenti di polizia provenineti da Tal Afar sono stati costretti nelle loro basi,
mentre gli agenti provenienti da Mosul sono stati dispiegati al loro posto. Intanto le autorità hanno imposto il coprifuoco per evitare ulteriori disordini.