Home News Israele, Alta Corte: “Le moschee sono luoghi sacri”

Israele, Alta Corte: “Le moschee sono luoghi sacri”

0
47

L'Alta Corte di Giustizia israeliana ha chiesto alle autorità di spiegare perché non abbiano provveduto a riconoscere i siti religiosi islamici come luoghi di culto e a destinare fondi sufficienti a preservarli.

“Perché l'Autorità Nazionale per i Servizi Religiosi non dovrebbe rispettare le leggi e introdurre disposizioni in modo da assicurare che tutti i luoghi sacri musulmani in Israele siano tutelati?”, ha scritto il giudice Edmond Levy a partire da una petizione presentata da Adalah, il centro di assistenza legale per i diritti della minoranza araba.

In una seduta della Corte, a luglio le autorità israeliane hanno sostenuto come non ci fosse bisogno di apposite disposizioni e hanno assicurato un finanziamento di 2 milioni di shekel (circa 476 mila dollari) per il mantenimento delle moschee nel Paese. Oggi, però, i giudici hanno accolto la posizione di Adalah, secondo cui lo stanziamento di un budget non garantisce un impegno a lungo termine.

“Alcuni di questi siti non sono sacri solo per i musulmani in Israele, ma per milioni (di fedeli) in tutto il mondo. L'assenza di disposizioni che definiscono il carattere di questi luoghi farà persistere il danno che stanno subendo”, ha dichiarato al quotidiano israeliano ‘Yedioth Ahronoth’ l'avvocato di Adalah, Hassan Jabrin.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here