Kosovo. Carcere da 15 a 22 anni per i fedelissimi di Milutinovic

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Kosovo. Carcere da 15 a 22 anni per i fedelissimi di Milutinovic

26 Febbraio 2009

Il Tribunale penale internazionale dell’Aja (Tpi) ha condannato a pene comprese tra i 15 e i 22 anni di prigione i cinque coimputati dell’ex presidente serbo Milan Milutinovic.

Si tratta dell’ex premier jugoslavo Nikola Sainovic, l’ex capo di stato maggiore, generale Dragoljub Ojdanic, l’ex comandante del terzo corpo d’armata Nebojsa Pavkovic, l’ex comandante della piazza d’armi di Pristina Vladimir Lazarevic e l’ex capo della polizia federale in Kosovo Sreten Lukic.

Sono stati accusati di crimini di guerra e contro l’umanità per aver deportato 800.000 civili albanesi dal Kosovo con "una campagna sistematica di terrore e di violenza" negli anni 1998-99 e per l’uccisione di centinaia di albanokosovari da parte delle forze serbe nel 1999.

Il Tribunale ha invece assolto l’ex presidente serbo Milan Milutinovic dalle accuse di crimini contro l’umanità nella guerra del Kosovo.

La sentenza è la prima che ha dettato questo tribunale contro i mandatari del conflitto di Belgrado. I sei accusati nei giorni scorsi si erano dichiarati innocenti da tutti i capi d’accusa.