La Francia col fiato sospeso

Lambert, il medico ha annunciato di voler interrompere i sostegni vitali già oggi

1
1192

Lo stop dei trattamenti di Vincent Lambert, l’uomo in stato vegetativo che vive in un letto d’ospedale a Reims, riprende “questo martedì”, ha annunciato alla famiglia il medico curante Vincent Sanchez secondo fonti concordanti citate dai media transalpini, tra cui anche l’agenzia Afp. “La procedura di interruzione dei trattamenti sarà avviata a partire da oggi“, si legge in una mail inviata dal medico ad ognuno dei componenti della famiglia Lambert che vede il padre e la madre fortemente opposti ad una tale decisione, mentre la moglie è favorevole.

“Oggi il mondo intero sa che la Francia si rifiuta di rispettare il suo impegno internazionale. Non possono farlo. Le misure provvisorie devono essere efficaci”. Aveva detto Jean Paillot, avvocato  dei genitori di Vincent Lambert, ai giornalisti presenti all’ONU, sulla decisione della Cassazione di riaprire all’interruzione dei sostegni vitali per Vincent Lambert.

“Vincent non è né malato né alla fine della vita. Il suo stato è quello di una persona disabile. La Francia è stata interpellata davanti agli altri 192 membri delle Nazioni Unite. Ora sa che è stata denunciata” – aveva aggiunto Jérème Triomphe, anch’egli avvocato dei genitori di Vincent rincarando la dose: “E’ una gravissima situazione di violazione degli impegni internazionali da parte dello Stato francese a discapito di un uomo disabile”. 

Parole che risuonano forti anche dalle labbra della mamma di Vincent, Viviane Lambert, attesa dalla stampa dopo il suo discorso davanti all’intero Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra. “Sì, ho chiesto aiuto all’ONU per salvare mio figlio. La Francia ha degli obblighi per quanto ha firmato ed è per questo che sono qui: affinché la Francia rispetti ciò che ha firmato”.

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Una lezione di vita: la vita é sempre e comunque degna di essere vissuta, anche nelle condizioni estreme di precarietà. Parola di chi ha vissuto questa esperienza vicino alla propria madre!

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here