La “pacificazione” di Nancy Pelosi: “Pence rimuova Trump in 24 ore o chiederemo l’impeachment”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

La “pacificazione” di Nancy Pelosi: “Pence rimuova Trump in 24 ore o chiederemo l’impeachment”

11 Gennaio 2021

Ventiquattr’ore di tempo al vicepresidente Mike Pence per rimuovere Donald Trump, altrimenti scatterà l’impeachment. Comincia con un ultimatum per bocca della speaker della Camera dei Rappresentanti americana, Nancy Pelosi, la “pacificazione” post elettorale da più parti invocata per rimettere insieme i cocci di un’America profondamente lacerata dalle vicende legate alle ultime elezioni presidenziali. Una mossa, quella dei Democratici, che più che al presente – con un Trump giunto agli ultimi giorni del suo mandato e l’imminente insediamento di Joe Biden – sembra guardare al futuro, per tentare di sbarrare la strada a un ritorno in campo del tycoon.

Intervistata dalla CNN, come riporta l’Adnkronos, la Pelosi ha spiegato che il tentativo in corso è quello di raggiungere l’accordo per una risoluzione unanime che chieda a Pence di attivare in 24 ore la procedura di rimozione ai sensi del 25esimo emendamento. Nonostante le spaccature ormai evidenti in seno al Partito Repubbicano, è tuttavia assai improbabile che una operazione del genere (l’unanimità) possa riuscire. In tal caso, la risoluzione verrebbe posta ai voti.

In una lettera ai colleghi democratici, la speaker – che già durante gli anni del mandato presidenziale non ha mai fatto velo della sua inimicizia quasi sprezzante nei confronti di Trump – ha scritto: “in un secondo momento procederemo attraverso la presentazione delle misure di impeachment in aula. Nel proteggere la nostra Costituzione e Democrazia, agiremo con urgenza, perché il Presidente rappresenta una minaccia imminente per entrambe”.

La “pacificazione” è servita.