La terra trema ancora: forti scosse in Algeria, Nuova Guinea e Giappone

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

La terra trema ancora: forti scosse in Algeria, Nuova Guinea e Giappone

17 Gennaio 2010

Una scossa di terremoto di magnitudo 4,1 sulla scala Richter è stata registrata questa mattina a Bouira, 70 km ad est di Algeri. Lo ha reso noto un comunicato del Centro di ricerche in astronomia, astrofisica e geofisica (Craag), diramato da APS. L’epicentro del sisma è stato localizzato 15 km a sud-est di Bechloul, nella zona di Bouira. Al momento, non si hanno notizie di vittime o danni.

Anche nel Nord del Giappone la terra ha tremato questa mattina alle 15.10 locali (O7.10 in Italia). Una scossa di terremoto di magnitudo 5.5 è stata registrata con epicentro individuato a 10 chilometri di profondità, a 200 chilometri al largo dell’oceano Pacifico. La scossa, informa la Japan metereological agency (Jma), che ha interessato soprattutto la prefettura di Iwate, è stata avvertita in tutta la parte settentrionale dell’isola di Honshu, fino alla capitale Tokyo. Nessun allarme tsunami è stato lanciato, mentre al momento non risultano esserci segnalazioni di conseguenze a persone o cose.

Un sisma di magnitudo 5.9 ha colpito invece la Papua Nuova-Guinea senza che per il momento sia stato dato l’allarme tsunami. Lo hanno detto i sismologi locali secondo i quali l’epicentro del sisma è stato individuato a 215 km a sud della città di Rabaul, sull’isola di New Britain (nord est), a una profondità di 35 km. La Papua Nuova-Guinea è situata sulla cosiddetta "cintura di fuoco" del Pacifico, linea di congiunzione di numerose placche tettoniche, teatro di frequenti fenomeni vulcanici e tellurici.