Home News L’America non si è presa neanche una fetta del petrolio iracheno

Oro nero

L’America non si è presa neanche una fetta del petrolio iracheno

2
54

Nella corsa all’oro (nero) iracheno, i protagonisti più attesi sono rimasti ai blocchi di partenza. Gli americani sono intervenuti, ma senza partecipare in modo tangibile, alla gara d’appalto che si è svolta presso il Ministero del Petrolio di Baghdad tra venerdì 11 e sabato 12, per l’assegnazione di 15 giacimenti petroliferi, da attribuire attraverso 10 contratti. Complessivamente erano in palio 41, 3 miliardi di barili di riserve, pari a un terzo del totale iracheno.

Si tratta della seconda gara d’appalto di questo tipo, che segue quella del 30 giugno 2009, quando fu assegnato solo uno degli otto giacimenti in palio, quello di Rumalia, al consorzio anglo-cinese BP-CNPC. Questa volta su 10 contratti ne sono stati assegnati ben sette. Rappresentanti di 45 compagnie petrolifere provenienti da tutti i continenti si sono sfidati nel corso della due giorni, trasmessa in diretta dalla tv di stato, per accaparrarsi lo sfruttamento ventennale di giacimenti ad oggi solo parzialmente o non del tutto sfruttati.

Nella prima giornata il colpo grosso lo hanno fatto la Royal Dutch-Shell e la Petronas, che si sono aggiudicate la gestione e lo sviluppo del mega-pozzo petrolifero di Majnoon, nel sud-est dell’Iraq, uno dei più grandi al mondo tra quelli ancora vergini, con i suoi 12,6 milioni di barili di riserve. La joint venture anglo/olandese-malese ha avuto la meglio sulla coppia franco-cinese Total-CNPC proponendo una commissione per barile di 1,39 dollari e impegnandosi a portare la produzione a 1,8 milioni di barili al giorno: il doppio di quanto previsto dall’Iraq.

Il secondo giacimento assegnato nella prima giornata è stato quello di Halfaya (4,1 milioni di barili di riserve), situato anch’esso nel sud del Paese, che ha visto la riscossa dei cinesi di CNPC, capofila di un consorzio che li vede partecipare al 50 per cento, con Total e Petronas al 25 per cento ciascuna. Halfaya è stato conquistato prevalendo su una concorrenza agguerrita, formata da tre consorzi di cui uno a guida ENI - ne facevano parte anche l’angolana Sonangol, la cinese CNOOC, la sudcoreana Kogas, e la statunitense Occidental -, proponendo una commissione di 1,40 dollari al barile e una produzione di 535 mila barili entro 6 anni.

Nella giornata di sabato i grandi protagonisti sono stati la russa Lukoil e la norvegese Statoil, che, partecipando con quote rispettive dell’85 per cento e del 15 per cento, si sono aggiudicate il giacimento di West Qurna 2, che conta su riserve pari a 12,9 milioni di barili. Le due compagnie aumenteranno la produzione di 1,8 milioni di barili al giorno. Per quanto riguarda le altre assegnazioni, il campo di Gharaf è andato alla Petronas, quelli nel nord di Najmah e Qaiyarah alla Sonangol,e Badra alla russa Gazprom. Accanto ai giacimenti assegnati, ci sono stati anche quelli che non hanno visto né vincitori né vinti perché nessuno se lì è aggiudicati. O meglio, nessuno ha voluto aggiudicarseli e le ragioni vanno cercate nel fattore sicurezza. Evidentemente le compagnie petrolifere hanno ritenuto troppo pericoloso andare ad operare in aree ancora ad alto rischio.

E gli Stati Uniti? Nella due giorni di Baghdad le compagnie petrolifere a stelle e strisce sono rimaste ai margini della contesa. Un fatto sorprendente, ma che non necessariamente significa sconfitta o scarso interesse a operare nel paese che vanta, con 115 miliardi di barili stimati, la terza riserva petrolifera del mondo dopo Arabia Saudita e Iran. Va rilevato, infatti, che l’assegnazione dei giacimenti non avviene soltanto attraverso il meccanismo della gara d’appalto. Lo dimostrano i casi dei giacimenti di Zubair e West Qurna 1, la cui ratifica di accordi per lo sfruttamento è avvenuta dopo l’asta del 30 giugno scorso. Ad aggiudicarseli furono, rispettivamente, un consorzio guidato dall’ENI e uno di cui facevano parte l’americana Exxon Mobil e la Royal Dutch-Shell. Ciò sta a significare che le carte giocate sono state molte, ma non tutte. Intanto il ministro del petrolio iracheno Hussein al-Shahristani ha annunciato che, grazie allo sfruttamento di questi e altri nuovi giacimenti, la produzione di petrolio irachena passerà in 6 anni a 12 milioni di barili al giorno, avvicinandosi molto alla quota russa. Un salto di qualità significativo che esprime la volontà dell’Iraq di gettare la maschera, immettendo sul mercato quello che è il suo vero potenziale energetico.

  •  
  •  

2 COMMENTS

  1. Petrolio Irakeno
    Caro Fabrizio, da uno che da 35 anni “nuota nel OIL”, capisco che vuoi dimostrare che gli USA hanno INVASO l’Irak per 2 volte solo per fare una passeggiata. La prima volta beh, Irak aveva invaso il Kuwait ( un paese “inventato” – Leggere “la storia del petrolio” ), e la seconda per trovare le famose “armi di distruzione di massa”. Hanno trovato cosa ?. Di armi veramente pochine. Se Saddam le avesse avuto veramente le avvrebbe usate, no ?. Non era mica scemo. O, si ?
    Devi ricordare pure che quando fu intervistato il ministro del’Australia a cui chiesero i giornalisti: perchè erano venuti gli australiani?, rispose candidamente: pure noi per il petrolio !!. Ricordare che fu immediatamente richiamato a Camberra e come sempre tutto finì con una bella pietra soppra. Gli USA sono “presenti” al festino insieme a circa 40 altre fameliche nazioni avide del oro nero. E tu pensi che l’hanno fatto per cosa ?. Esportare la democrazia ?. Non si può essere più ipocriti di così. “Dell’albero caduto TUTTI ne fanno legna”.

  2. Non commento piu niente
    Non commento piu niente perche ogni volta che il mio criterio e contrario a quello del giornalista, puntualmente NON VIENE PUBBLICATO !. E sicuramente neanche questo !!!. Perció ho deciso fare cio che mio padre mi insegno piu di mezzo secolo fa: lascero che gli ignoranti rimangano nel loro stato naturale. Di piu, mettero un quarentena a questa maledetta pubblicazione DI PARTE !!!. Viva la VERITA !!!.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here