Leone (Pdl): “No a scissioni, gli elettori non concedono sconti”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Leone (Pdl): “No a scissioni, gli elettori non concedono sconti”

19 Aprile 2010

"Le scissioni non portano fortuna alla destra, basta ripercorrere la storia". Lo ha affermato Antonio Leone, deputato del Pdl e Vicepresidente della Camera.

"Nel dicembre del 1976 – ha ricordato – un gruppo di parlamentari missini capeggiato da Ernesto Di Marzio e Giovanni Roberti uscirono dal Msi di Almirante per dar vita a Democrazia nazionale, chiaramente ispirata da Andreotti, che inseguiva un sostegno più consistente al suo monocolore democristiano. Un’operazione di vertice che durò lo spazio di un mattino. Alle politiche del 1979 Democrazia nazionale, che pure aveva messo insieme 21 deputati e 9 senatori, raccolse solo lo 0,7 per cento dei voti e nessun eletto, dissolvendosi nel nulla".

Per Leone alcuni precedenti storici sono utili da ricordare, poiché gli elettori – ha sostenuto – non "concedono sconti" a chi mette in discussione il progetto politico al quale hanno aderito in modo compatto.