Letta: “Il Paese esca da divisioni e contrapposizioni”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Letta: “Il Paese esca da divisioni e contrapposizioni”

15 Novembre 2010

Dal rapporto "L’Italia che c’è", che l’associazione ‘Italiadecide’ ha presentato oggi a Montecitorio, emerge "l’amara esperienza di quanto sia difficile governare e decidere oggi in questo Paese". È uno dei passaggi dell’intervento del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta.

Un problema, secondo Letta, "soprattutto quando sono in gioco gli interessi generali e permanenti dell’intera comunità quando cioè – ha aggiunto – bisogna conciliare la pluralità dei diversi interessi e di disparati settori. È necessario che su questi temi l’intera classe dirigente sappia unirsi e confrontarsi e che alla fine disponga degli strumenti e delle chiavi interpretative necessarie".

"Il paese ritrovi maggiore consapevolezza di sé e dei propri problemi, uscendo dagli schemi di divisioni e dalle contrapposizioni esasperate", ha ribadito. Per il sottosegretario Letta, infatti, "questa consapevolezza è un fattore decisivo per ridare slancio alla politica e anima alla società". Letta ha inoltre ricordato "il passaggio difficile che l’Italia sta vivendo", anche dal punto di vista economico. "È indispensabile un appello a tutti i cittadini – ha osservato – perché si ritrovino le ragioni di fondo per stare insieme".

Al termine della presentazione del Rapporto di "Italiadecide" si sarebbe tenuto poi un colloquio tra il sottosegretario Letta, il presidente della Camera Gianfranco Fini e il capo dello Stato Giorgio Napolitano proprio nello studio di Fini.