LIbano, ok prima notte dopo il cessate il fuoco

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

LIbano, ok prima notte dopo il cessate il fuoco

23 Maggio 2007

Nonostante l’esplosione di ieri sera a Tripoli, dove un militante
di Fatah al-Islam si è fatto saltare in aria per evitare la cattura, il cessate
il fuoco unilaterale di tre giorni proclamato ieri dal gruppo ultra-radicale
palestinese nel campo profughi di Nahr al-Bared, sembra durare.
Fonti militari
confermano che “c’è calma”, ma la faccenda non è chiusa, si
concluderà soltanto quando l’avremo finita con quella banda (i guerriglieri
integralisti, ndr)”. Intanto prosegue
l’esodo di massa dall’accampamento palestinese di che tra ieri e lunedì è stato
teatro di scontri. La struttura, che in genere ospita fino a quarantamila rifugiati,
si sta rapidamente svuotando: sono già diverse migliaia le persone, uomini,
donne e bambini, che, approfittando della sospensione delle ostilità, si stanno
dirigendo verso il più vicino campo di Beddawi, portandosi dietro tutto quanto
possono a bordo di auto e furgoni, ma anche di moto, biciclette e carretti.