M.O. Dirigente di Hamas conferma colloqui per il rilascio di Shalit

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

M.O. Dirigente di Hamas conferma colloqui per il rilascio di Shalit

16 Ottobre 2010

I colloqui tra Hamas e Israele, con la mediazione di un funzionario tedesco, per uno scambio di prigionieri che porti al rilascio del giovane caporale Gilad Shalit sono ripresi. Lo ha confermato il dirigente di Hamas Musa Abu Marzuq, dopo che nei giorni scorsi il movimento che controlla la Striscia di Gaza aveva negato una visita del mediatore tedesco nella regione due settimane fa.

In un’intervista al quotidiano pan-arabo al-Hayat, Marzuq ha invece confermato la visita dell’inviato di Berlino, destinata a "sincronizzare" le posizioni delle due parti. Ma ha anche confermato che, per la liberazione del militare israeliano rapito nel 2006, Hamas chiede il rilascio della stessa lista di prigionieri su cui si erano arenati i colloqui nei mesi scorsi.

La lista di 450 nomi circa include dirigenti di varie fazioni palestinesi, come Marwan Barghouti, Ahmad Sadat, Ibrahim Hamad, Abdullah Barghouti, Abbas Sayad, Jamal Abu Al-Hija, Abed al-Nasser Isa, Hassan Salame e Walid Aakal. Tra loro anche tre donne, Amana Mona, Kahariya A-Sahi e Ahlam A-Tamimi. Su alcuni di questi nomi Israele ha finora posto un veto, mentre per altri ha chiesto che siano allontanati dalla regione dopo il rilascio.