Mafia. Berlusconi: “E’ un fenomeno da estirpare ma contenuto”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Mafia. Berlusconi: “E’ un fenomeno da estirpare ma contenuto”

06 Dicembre 2009

Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha ribadito il suo dissenso da "chi scrive troppo o fa spettacoli sulla mafia perché mandiamo in giro nel mondo un’immagine dell’Italia che pare tutta popolata da mafiosi", e ha aggiunto che la "mafia è un fenomeno assolutamente contenuto: pericoloso, da estirpare, ma contenuto". In un’intervista a Mediaset rilasciata ieri sera dopo la partita Milan-Sampdoria, il premier ha detto che "quando sento parlare di Berlusconi mi sembra sia un altro, perché non ha nulla a che vedere con me. Non ho alcun timore sul rapporto con gli italiani perché gli italiani sono gente di buon senso e sulla loro capacità di giudizio io conto molto".

"Quello che spiace – ha continuato Berlusconi – è che si getti del fango sull’immagine dell’Italia del Mondo. L’altro giorno giocosamente ho detto una frase per dissentire da chi scrive troppo o fa spettacoli sulla mafia, perché mandiamo in giro nel mondo un’immagine dell’Italia che pare tutta popolata da mafiosi. Questo ci fa fare brutta figura, è contrario al Made in Italy, e i turisti evitano di venire qui. Mentre invece la mafia è un fenomeno assolutamente contenuto. Pericoloso, da estirpare, ma contenuto". "Ho detto al mio ottimo ministro degli Interni che un’occasione per passare alla storia, ovvero mettere fine a questa organizzazione, che ha radici antiche ma non è detto che non si possa lavorare per un risanamento del territorio nelle regioni meridionali. Io ho fiducia – ha spiegato Berlusconi – che, avendo cominciato bene e avendo molti anni per lavorare, potremo avere ottimi risultati".

Il presidente del Consiglio ha ribadito che "nessun governo nella storia ha fatto un contrasto così forte alla mafia e a tutta la criminalità organizzata. I numeri parlano da soli: abbiamo sequestrato 12mila miliardi di euro tra soldi e beni a persone appartenenti a organizzazioni mafiose, 17 fra i 30 più pericolosi latitanti sono stati assicurati alle patrie carceri e sono molte centinaia le persone sospettate assicurate alla giustizia, in più abbiamo messo a segno qualcosa come 90 blitz contro la malavita. Credo – ha concluso – che siano risultati enormi e tutti italiani felici".