Montezemolo: da Bertinotti autentiche falsità

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Montezemolo: da Bertinotti autentiche falsità

24 Maggio 2007

Fuochi d’artificio all’assemblea generale degli industriali italiani al
Parco della Musica di Roma, dove il presidente di Confindustria Luca Cordero di
Montezemolo ha risposto agli attacchi che il presidente della Camera, Fausto
Bertinotti, aveva rivolto al capitalismo italiano definendolo “impresentabile”.
“Basta con i pregiudizi, con gli attacchi alle imprese, soprattutto
quando arrivano dalle piú alte cariche istituzionali. Rappresentanti delle istituzioni hanno
definito impresentabile il capitalismo italiano, senza che si sia alzata una
sola voce dal mondo della politica a smentire questa autentica falsità”,
ha tuonato Montezemolo dal palco dell’auditorium. “E’ a noi imprenditori che si deve
riconoscere il merito di aver fatto uscire il Paese dalla secca della crescita
zero. E’ un risultato di cui dobbiamo essere fieri. La ripresa non è ancora
consolidata, è fragile, e si spegnerà rapidamente se saremo lasciati soli.
Bisogna rimuovere le tante, tantissime anomalie che ci costringono a competere
con un braccio legato dietro la schiena”. Montezemolo prende a prestito
le parole di Winston Churchill, secondo il quale “l’idea del comunismo è
che fare profitti sia un vizio, ma io credo che il vero vizio consista nel
subire delle perdite”. E ricorda, davanti ad una platea che vede in prima
fila proprio il presidente della Camera che il muro di Berlino è caduto ma in
Italia “non è scomparsa la tentazione di prendersela con l’impresa,
alimentata da un clima di ostilità di alcuni settori della politica”.