Home News Mumbai. Sale il bilancio delle vittime straniere degli attentati

Mumbai. Sale il bilancio delle vittime straniere degli attentati

0
7

Dalla serie di attacchi terroristici che ha scosso la città di Mumbai, in India, iniziano a farsi i primi bilanci delle perdite.

Sono quattro i cittadini tedeschi rimasti uccisi negli attentati terroristici di questi giorni a Mumbai. Lo scrive oggi l'agenzia di stampa tedesca Dpa, che cita fonti del ministero degli Esteri indiano. Tra questi, riporta l'agenzia, c'è anche la vittima confermata ieri dal ministero degli Esteri tedesco. Si tratta di Ralph Burkei, un uomo di 51 anni che si trovava a Mumbai per lavoro. Gli altri tre non sarebbero stati ancora identificati e oggi il ministero degli Esteri tedesco non ha voluto confermare la notizia.

Secondo fonti del dipartimento di Stato citate dalla Cnn, sono due i cittadini americani che sono rimasti uccisi negli attacchi a Mumbai. Secondo una ondazione della Virginia, la Synchronicity Foundation, le vittime statunitensi sarebbero Alan Scherr e sua figlia Naomi, di 13 anni, uccisi mentre si trovavano in un bar della città indiana. I due sarebbero stati identificati dai loro colleghi della delegazione di 25 esponenti della Fondazione presenti a Mumbai che sono rimasti feriti.

Altre due vittime straniere sarebbero francesi. Lo ha confermato il ministro degli Esteri francese, Bernard Kouchner che ha espresso la sua solidarietà ai familiari delle vittime e ha fatto le condoglianze "per le vittime di tutte le nazionalità". I terroristi - ha aggiunto Kouchner - "se la sono presa con la più grande democrazia del mondo. Tutti i democratici del mondo sono al suo fianco. Rinnovo il mio sostegno totale, quello della Francia e dell'Unione europea, alle autorità indiane e al popolo indiano in questa terribile prova che supereremo tutti insieme".

Per i nostri connazionali si conferma che la vittima è solo una mentre la Farnesina ha confermato che tutti i sequestrati sarebbero stati finalmente liberati. Salva la bambina di appena sei mesi e la madre, tenuti in ostaggio nell'hotel Oberoi/Trident. La donna di 62 anni ferita è stata dimessa e ora si trova in buone condizioni. Secondo le ultime informazioni, tutte le vittime coinvolte nell'attentato rientreranno con mezzi propri nelle prossime ore. Infatti, non è previsto infatti nessun volo di stato organizzato per il ritorno dall'India.

 

 

 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here