‘Ndrangheta. Arrestato latitante Muià ricercato per narcotraffico

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

‘Ndrangheta. Arrestato latitante Muià ricercato per narcotraffico

22 Gennaio 2010

L’arresto del latitante Francesco Muià, che è stato sorpreso in un casolare di Grotteria, piccolo comune della Locride, si è concretizzato in pochi minuti.

Localizzato il rifugio ubicato in una contrada, i militari del Gruppodi Locri e del Comando provinciale di Reggio hanno fatto irruzione nell’abitazione dove, oltre al latitante che non ha avuto modo di opporre nessuna forma di resistenza, c’erano i proprietari dell’appartamento i coniugi Sergio Iergolino e Susanna Macrì e la figlia Samantha, tutti e tre arrestati in flagranza di reato di favoreggiamento.

Muià si era reso latitante perché colpito da un ordine di arresto emesso dalla Procura della Repubblica di Napoli a seguito di un’operazione contro i canali di approvvigionamento di ingenti quantitativi di cocaina proveniente dalla Colombia.

L’operazione aveva consentito la cattura di 84 persone ed il sequestro di oltre 10 tonnellate di cocaina nell’ambito di un’operazione internazionale che aveva visto impegnati i Ros e la Dcsa in collaborazione con la Polizia Venezuelana e la Dea. Nel corso dell’indagine, i carabinieri avevano documentato anche le importazioni della droga dal Sud America in Europa, attraverso la Spagna, l’Olanda e l’Albania, per la successiva distribuzione in Italia, ai clan camorristici ed alla ‘ndrangheta.