Nigeria. Moschea di Jos accoglie corpi di 150 uccisi in scontri degli ultimi giorni

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Nigeria. Moschea di Jos accoglie corpi di 150 uccisi in scontri degli ultimi giorni

19 Gennaio 2010

La principale moschea di Jos, nella Nigeria centrale, ha ricevuto circa 150 corpi di persone uccise negli scontri fra cristiani e musulmani scoppiati due giorni fa. Lo ha detto oggi un rappresentante della moschea che sta organizzando un funerale collettivo.

"Domenica sera abbiamo sepolto 19 corpi e ieri 52. Per il momento nella moschea ci sono 78 corpi ancora da seppellire", ha detto per telefono il rappresentante della moschea, Muhammad Tanko Shittu. Un precedente bilancio degli scontri, scatenati dalla costruzione di una moschea nel quartiere a maggioranza cristiana di Nassarawa Gwom, era di almeno 26 morti e oltre 300 feriti.

A Jos, dove cristiani e musulmani vivono fianco a fianco, nel novembre del 2008 furono centinaia le vittime di scontri interreligiosi. La Nigeria conta oltre 200 etnie. I cristiani sono presenti soprattutto negli Stati del sud e i musulmani in quelli del nord, dove in alcuni casi vige la sharia, la legge coranica.