Nucleare. Per la prima volta in 20 anni, l’Aiea vota una risoluzione contro Israele

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Nucleare. Per la prima volta in 20 anni, l’Aiea vota una risoluzione contro Israele

18 Settembre 2009

Per la prima volta in quasi 20 anni, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) ha votato oggi una risoluzione critica nei confronti di Israele e del suo programma nucleare, chiedendo alle autorità ebraiche di aderire al Trattato di non proliferazione nucleare (Tnp) e di aprire tutti i siti alle ispezioni dell’Aiea.

La risoluzione, sponsorizzata dai paesi arabi e sostenuta dalla Russia e dalla Cina, chiede al direttore generale dell’Aiea Mohamed Elbaradei di occuparsi della questione. La risoluzione, passata con uno stretto margine, 49 voti a favore, 45 contrari e 16 astensioni, è stata approvata nel corso della conferenza annuale degli Stati membri dell’agenzia dell’Onu a Vienna.

Dura la reazione di Israele. "Non coopereremo in alcun modo con questa risoluzione il cui unico scopo è esacerbare le ostilità politiche e acuire le linee di divisione in Medio Oriente", ha detto il vice-direttore della commissione per l’energia atomica David Danieli.

Soddisfatto invece l’ambasciatore iraniano presso l’Aiea, Ali Asghar Soltanieh: "È un’ottima notizia e un trionfo per la nazione palestinese oppressa". Israele è uno degli unici tre Stati al mondo, assieme a India e Pakistan, a non aver aderito al Tnp. Si ritiene che sia l’unico Paese mediorientale a disporre di un arsenale nucleare, ma non lo ha mai né confermato né smentito.

Dopo il rifiuto dello Stato ebraico di votare una mozione contro il nucleare in Medio Oriente, il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad è tornato ad attaccare Israele affermando che Israele “è ormai arrivato alla fine” e ha invitato i governi della regione a “non riconoscere il regime sionista”.

Ieri, l’Aiea aveva adottato una risoluzione non vincolante per esortare tutte le nazioni del medioriente a rinunciare all’arma atomica. Il voto è stato 100 sì e un no, quello d’Israele.“Secondo noi – ha detto il rappresentante israeliano – i progressi verso questo scenario non possono essere fatti senza un cambiamento nell’atteggiamento di alcuni Stati della regione verso Israele”.

Israele, India e Pakistan sono gli unici paesi al mondo a non aver aderito al Trattato di non proliferazione nucleare. Israele, anche se non l’ha mai amesso, è il solo paese del medioriente ad avere l’arma atomica.