Nuova influenza. Secondo l’Oms la diffusione si avvicina al 100%

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Nuova influenza. Secondo l’Oms la diffusione si avvicina al 100%

24 Luglio 2009

La pandemia di influenza A (H1N1) si avvicina ad una propagazione totale: almeno 160 Paesi o territori su un totale di 193 membri dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) hanno confermato casi. "Ci stiamo avvicinando al 100%, ma non ci siamo ancora". A dichiararlo oggi a Ginevra è il portavoce dell’Oms Gregory Hartl.

Il totale dei decessi notificati all’Oms è di circa 800, ha confermato l’organizzazione. "Per ora non abbiamo indicazioni di un cambiamento del comportamento del virus. Osserviamo una diffusione geografica", ha aggiunto il portavoce.

Per quanto riguarda i ragazzi italiani in viaggio-vacanza bloccati in Francia oramai da un paio di giorni, la prefettura dell’Hauts-de-Seine ha confermato che al momento resta fermo a 22 il numero di contagiati nel liceo di Rueil Malmaison, nei pressi di Parigi. Si tratta di 21 giovani tra i 15 ed i 17 anni di alcune città italiane, tra cui Roma e Bologna, in viaggio-studio nell’istituto cattolico Passy Buzenval di Rueil Malmaison, a circa una quindicina di chilometri ad ovest della capitale francese. Anche una delle loro accompagnatrici ha contratto il virus.

I 22 ammalati dovranno restare in isolamento fintanto che non saranno completamente guariti, ha ribadito oggi il dottor Juan Vinas, che incontrerà di nuovo i ragazzi nel pomeriggio. "Siamo in una situazione di banalissima influenza", ha ripetuto il medico, che non si è mostrato per nulla preoccupato per lo stato di salute dei suoi pazienti. I ragazzi trascorrono una tranquilla quarantena nel liceo, ognuno nella propria stanza. Alcuni di loro non hanno più la febbre già da ieri e potranno tornare a casa domenica. Per gli altri il viaggio dovrà essere rimandato di qualche ora.

Il numero dei casi è salito ieri da 17 a 22, dopo che 5 nuovi contagi sono stati rilevati nel tardo pomeriggio.