Nuova influenza. Un nuovo caso a Trapani, è un 43enne di Partanna

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Nuova influenza. Un nuovo caso a Trapani, è un 43enne di Partanna

23 Settembre 2009

Un uomo di 43 anni, di Partanna, in provincia di Trapani, è ricoverato in rianimazione all’ospedale di Sant’Antonio Abate. Si tratterebbe di un nuovo caso di influenza A/H1N1 dopo quello della donna morta a Messina. L’uomo è vigile e respira autonomamente.

In nottata è stata completata l’autopsia sul corpo di Giovanna Russo, la donna deceduta all’ospedale Papardo di Messina e che è stata colpita dal virus A-H1N1. Il medico legale Antonina Argo ed i chirurghi Emiliano Maresi ed Andrea Di Gregoli, tutti del reparto di Biotecnologie mediche dell’università di Palermo, hanno ricevuto l’incarico di eseguire l’esame dal sostituto procuratore Adriana Sciglio, titolare del caso, intorno alle 18.30. Poi si sono recati all’obitorio comunale del Policlinico per dare il via alle operazioni. Il pool di esperti ha il compito di chiarire innanzitutto l’esatta causa della morte. I risultati ufficiali dell’autopsia saranno sul tavolo della Procura non prima di 60 giorni.

Intanto, sono "notevolmente migliorate" le condizioni del paziente di 35 anni ricoverato dallo scorso 6 settembre nel reparto di rianimazione dell’ospedale Carlo Poma di Mantova per aver contratto il virus A/HIN1. Ne dà notizia un comunicato della stessa azienda ospedaliera, che sottolinea come il paziente da ieri respiri autonomamente.

Il giovane, 35 anni di origine pakistana, sposato e con due figli, abitante in un Comune dell’hinterland cittadino, si era presentato al pronto soccorso dell’ospedale mantovano dopo una vacanza nel suo paese d’origine. Dopo un primo ricovero nel reparto di pneumologia in cui gli era stato diagnosticato il virus A evoluto poi in una polmonite batterica, era stato trasferito in rianimazione e sottoposto a ventilazione meccanica.