Home News Obama telefona a Berlusconi: “Un’aggressione malvagia”

Obama telefona a Berlusconi: “Un’aggressione malvagia”

0
64

La terza notte di ricovero al San Raffaele di Milano del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stata alquanto travagliata. Al risveglio, come sempre poco prima delle 7, il premier ha accusato un po' di mal di testa e un forte dolore al collo. Nessun commento su quanto accaduto alla Camera martedì. “Abbiamo tentato di tenerlo lontano dalla bagarre politica - spiega Bonaiuti -. Ma il presidente è una macchina da lavoro, un vulcano che si accende alle 7 di mattina e si spegne alle 2 di notte. Pensare di tenerlo fermo è un'impresa titanica, bisognerebbe legato alla sedia”.

Il presidente potrebbe lasciare oggi l'ospedale, ma tutto dipenderà dagli esiti di un'ultima visita di controllo che si svolgerà in tarda mattinata. “Così ci hanno detto i medici - ha detto Bonaiuti -, che si sono riservati di rivederlo attorno a mezzogiorno, l'una”. La giornata del capo del governo è iniziata con la lettura della corposa rassegna stampa inviata da Palazzo Chigi. Lunedì sera Berlusconi ha seguito Ballarò e ha ricevuto la visita di due calciatori del Milan, Seedorf e Thiago Silva, e “la graditissima telefonata del presidente statunitense Barack Obama”.

Obama ha trovato Silvio Berlusconi “in ottime condizioni di spirito” nella telefonata di auguri di una rapida guarigione dopo la “malvagia aggressione” subita domenica a Milano, afferma un comunicato della Casa Bianca.

Inoltre, come ha spiegato il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale Mike Hammer, “il presidente Obama ha ringraziato il premier Berlusconi per la leadership mostrata sull'Afghanistan e per l'ulteriore contributo dell'Italia alla nostra comune missione Nato in quel Paese”.

 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here