Home News Padre Bossi: nessuna richiesta di riscatto

Padre Bossi: nessuna richiesta di riscatto

0
54

“Sì, anche noi abbiamo saputo che sono circolate voci di richieste di riscatto. Ma come al solito queste notizie arrivano attraverso i giornali e non ci sono elementi di verifica”: lo dice all'agenzia internazionale Misna padre Gianni Sandalo, superiore provinciale del Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime) nelle Filippine.

Il missionario di riferisce alle ultime informazioni riportate dai media del paese in merito a richieste in denaro avanzate dai rapitori di padre Giancarlo Bossi, sequestrato il 10 giugno nel villaggio costiero di Bulawan, nella provincia di Zamboanga (ovest dell’isola meridionale di Mindanao). “

Sembra che il tutto sia gestito dalla stampa. Le fonti ufficiali non si sbilanciano e io non ho ricevuto alcuna richiesta” aggiunge padre Sandalo. Ieri fonti radiofoniche di Cotabato avevano riferito di una richiesta di riscatto di un milione di dollari, però smentita all’emittente televisiva ‘Gma’ dal generale Benjamin Dolorfino, che coordina la parte militare del cosiddetto ‘Ad hoc joint action group’ (Ahjag), il Gruppo d’azione congiunto con i separatisti del Fronte di liberazione islamico Moro (Milf) che da 16 giorni si occupa anche del rapimento; citato dal quotidiano ‘Inquirer’, invece, il capo negoziatore del Milf, Mohagher Iqbal, aveva detto che i sequestratori hanno chiesto 15 milioni di pesos (pari a circa 320.000 dollari) per il rilascio del religioso. Intanto le operazioni di ricerca, da parte delle forze dell’ordine e del Milf, continuano a concentrarsi nella zona di Lanao del Sur e nella baia di Sibuguey.

 

 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here