Home News Pakistan: protesta studenti fondamentalisti, ucciso poliziotto

Pakistan: protesta studenti fondamentalisti, ucciso poliziotto

0
7

Islamabad, Pakistan: studenti mascherati, assiepati dentro una moschea, sparano contro i poliziotti pakistani uccidendone uno e ferendone una dozzina. La polizia risponde lanciando lacrimogeni dentro l'edificio religioso.

Il corrispondente di al-Jazeera, Kamal Hyder ha riporato quanto segue: “la gente sta tentando di scappare qui fuori dalla moschea...stanno provando a fuggire dalla zona mentre gli studenti religiosi prendono posizione, armati di fucili, attorno alla moschea”.

“Ora ci si aspetta che le autorità intervengano facendo irruzione all'interno della moschea”, ha proseguito il reporter. 

La stessa moschea è stata a lungo monitorata dalla polizia da quando i suoi studenti hanno preso il controllo di una vicina libreria statale per bambini, qualche mese fa.  Ad un certo punto gli studenti iniziarono una protesta contro le guardie armate pakistane arrivando a sequestrare il personale cinese (sette persone) di una clinica di agopuntura.

Gli scontri di oggi sono iniziati con i canti anti-governativi delle donne, coperte dal burqa, che provenivano dal tetto di una madrassa nei pressi della moschea. Gli studenti maschi intanto stavano a guardia dell'entrata della moschea, armati di bastoni. La violenza ha preso il via in seguito ad un attacco degli studenti contro una pattuglia della polizia che stava prendendo posizione attorno all'edificio religioso. Gli studenti sono riusciti ad entrare in possesso delle armi dei poliziotti, ne è seguito uno scontro a fuoco nel corso del quale, a quanto sembra, un membro delle forze di sicurezza pakistane sarebbe morto.

Intanto gli abitanti di Islambad venivano invitati a prendere parte agli scontri tramite gli altoparlanti della moschea al grido di “Jihad, Jihad”. La polizia ha risposto lanciano lacrimogeni contro gli studenti. I negozi del circondario sono stati costretti a chiudere e le persone a non passare nei dintorni.







  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here