Pakistan: revocati arresti domiciliari alla Bhutto

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Pakistan: revocati arresti domiciliari alla Bhutto

16 Novembre 2007

Il Pakistan ha revocato alla leader dell’opposizione Benazir Bhutto gli arresti
domiciliari questa mattina presto, poche ore dopo che era stato nominato un
primo ministro ad interim, in un primo passo verso le elezioni nazionali.

I custodi carcerari hanno lasciato la casa di Lahore dove la Bhutto era
tenuta prigioniera per impedirle di guidare una manifestazione contro lo stato
di emergenza voluto dal presidente Pervez Musharraf.

Ma diverse centinaia di poliziotti armati hanno bloccato la strada dicendo
che nessuno – inclusi i membri del partito di Benazir Bhutto – era autorizzato
a oltrepassare le barricate di metallo e filo spinato.

“Il governo ha sospeso l’ordine di detenzione e da ora è libera di andare
dove vuole”, ha dichiarato a Reuters il capo della polizia di Lahore Aftab
Cheema.

Gli Usa sperano che Musharraf e Bhutto finiranno per dividersi il potere dopo
le elezioni generali attese per il 9 gennaio.