Home News Pakistan: sicurezza rafforzata in tutto il paese

Pakistan: sicurezza rafforzata in tutto il paese

0
2

Dopo quattro giorni dall’inizio degli scontri alla Moschea Rossa d'Islamabad, la sicurezza è stata rafforzata in tutto il Pakistan, soprattutto lungo il confine con l'Afghanistan.

Le autorità pakistane temono improvvise azioni di rappresaglia in reazione alla necessaria operazione delle forze governative, che stanno assediando la “Moschea Rossa”, covo dell'integralismo islamico. Azioni ostili si temono in particolar modo  nelle zone settentrionali del Paese, al confine con l'Afghanistan, dove sono attivi moltissimi gruppi vicini ai Talebani. Per questo è sembrato necessario dispiegare urgentemente in diverse zone del paese un ingente numero di militari.

Nelle ultime ore sono stati distribuiti volantini, molto probabilmente provenienti dai militanti del gruppo Mujahidin-i-Bajaur, nei villaggi e nelle cittadine della regione tribale di Bajaur (area vicina alla frontiera con l'Afghanistan).  Si minacciano nuovi attentati nei luoghi pubblici più frequentati del paese ed attacchi alle forze paramilitari pakistane.  Dai volantini trapelano i soliti toni di violenza e intolleranza: “I mujahidin condannano con forza l'operazione e l'uccisione di studenti a Lal Masjid (la Mosche Rossa, ndr) e si vendicheranno sferrando attacchi kamikaze”.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here