Pd, Adinolfi: “Stop alle risse o perderemo altri pezzi”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Pd, Adinolfi: “Stop alle risse o perderemo altri pezzi”

18 Settembre 2007

Poniamo fine alla “rissa sulle liste”oppure, dopo l’abbandono
di Bordon, Dini e Manzione, “perderemo per strada altri pezzi”. Così Mario
Adinolfi, giovane blogger, candidato alla segreteria del Partito democratico,
avverte i suoi compagni.

Adinolfi chiede quindi di fare “attenzione, perché stiamo
perdendo i pezzi e la rissa sulle liste alla costituente può causare danni
anche più gravi della già grave perdita di Lamberto Dini, di Willer Bordon, di
Roberto Manzione nella trincea del Senato. E, non mi stancherò di ricordarlo,
se non daremo risposte a quel che dice Grillo, il Pd finirà nel disastro”.

Poi, rivolgendosi agli altri candidati Bindi, Letta e
Veltroni, ha affermato: “Credo sia arrivato il momento di scrivere davvero
tutti insieme quel messaggio comune al Paese su cui siamo stati
intelligentemente sollecitati qualche giorno fa da Pierluigi Bersani. Dobbiamo
spiegare quel che stiamo facendo e rendere chiaro il perché”.

Inoltre, ha aggiunto: “Dobbiamo ricordare che il Pd ricuce
le divisioni, non le approfondisce, ha l’ambizione di ampliare il consenso
dell’area che gli dà vita, non di ridurlo. Invece teniamo aperti troppi fronti.
Spero che Veltroni, Bindi, Letta e tutti gli altri siano disponibili a scrivere
un documento forte, da diffondere via web attraverso le migliaia di siti che
stanno comunque seguendo quella potenziale grande festa della democrazia che
dovrà essere il 14 ottobre”.