Pd: Veltroni rilancia congresso in autunno

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Pd: Veltroni rilancia congresso in autunno

29 Aprile 2008

Gli uomini di Walter Veltroni sono
prudenti e frenano quando sentono la parola ‘congresso’, ma di
fatto il segretario sembra che si avvii a bruciare i tempi.

E’ possibile pertanto che Veltroni
chieda agli altri ‘big’ del partito di avviare una “grande
riflessione” collettiva che, di fatto, potrebbe portare ad un
anticipo del congresso già al prossimo autunno. Veltroni ne ha
parlato in queste ore con diversi dirigenti del Pd e ha convocato
il ‘caminetto’ del partito proprio per proporre una
“accelerazione”. Stamattina, ai cronisti, ha spiegato: “Sto
pensando in queste ore a come reagire con un di più di
innovazione e di radicamento”. Chi ci ha parlato in privato
spiega che Veltroni vuole “ripartire, ma non con una intervista
sui giornali: vuole coinvolgere tutto il partito, a cominciare
dal gruppo dirigente, fino ad arrivare a quegli elettori che
hanno partecipato alle primarie”.

Si tratta, continua la stessa fonte, di prendere atto che il
partito ha ottenuto un risultato con luci e ombre, che radica il
Pd come la più grande forza riformista che questo Paese abbia mai
avuto, ma senza ignorare la “botta” (usano proprio questo
termine) che c’è stata a Roma. Serve quindi più “innovazione”,
sarebbe il ragionamento di Veltroni, ma bisogna che tutti dicano
se ci stanno, se sono d’accordo.

Al ‘caminetto’ Veltroni proporrà di convocare gli organismi
deputati, la direzione e l’assemblea costituente, per fissare le
tappe e le modalità di questa ‘riflessione’ che potrebbe finire
per sfociare in un vero e proprio congresso. “Ma solo alla fine
del percorso”, precisano gli uomini vicini al segretario,
partendo dall’analisi sull’innovazione necessaria e sul
radicamento che bisogna realizzare.

Sembra intanto scontato che si vada ad un profondo ‘restyling’
degli organismi dirigenti del partito: l’attuale esecutivo
dovrebbe lasciare il posto ad un organo di direzione politica
che, di fatto, dovrebbe ricalcare l’attuale ufficio politico,
riunito proprio in queste ore.