Pensioni, Bonanni (Cisl): Ora alternative allo scalone

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Pensioni, Bonanni (Cisl): Ora alternative allo scalone

06 Luglio 2007

“Spero che Prodi trovi il fischietto e arbitri la partita, perché bisogna trovare valide soluzioni per la questione dello scalone”. Così il Segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni.

Interpellato a margine dell’Assemblea organizzativa nazionale della Federazione agroalimentare FAI-CISL, Bonanni ha ribadito la posizione sul sindacato nel dibattito sulla riforma delle pensioni.

Soluzioni che per il sindacato devono privilegiare la libertà del lavoratore di andare in pensione, con incentivi per chi decide di restare al lavoro e magari piccoli innalzamenti, “come propone il ministro Damiano”.

Ma Bonanni ha richiamato l’attenzione anche su altre questioni, dalle misure a sostegno delle persone in difficoltà, ai giovani, agli ammortizzatori sociali. Temi sui quali il sindacato ha ottenuto l’innalzamento dal 50 al 60% dell’indennità di disoccupazione, gli incentivi per la laurea, i contributi per gli atipici e i 300 milioni per favorire la contrattazione di secondo livello.