Pensioni, Casini (Udc): governo preoccupante

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Pensioni, Casini (Udc): governo preoccupante

17 Luglio 2007

“Il governo sta cincischiando in modo irresponsabile, giocando
col futuro dei giovani”. È quanto ha dichiarato il leader dell’Udc Pier
Ferdinando Casini, intervenendo nel dibattito sulla riforma delle pensioni Casini,
prima dell’assemblea dell’Ance.

Casini si riferisce poi all’intervento di Mario Draghi,
governatore della Banca d’Italia, definendo le sue “parole ineccepibili”. E aggiunge
che “è molto strano che non sia l’autorità politica a dire le stesse cose del
Governatore. Quando la politica ha bisogno della supplenza dell’autorità
monetaria, c’è da preoccuparsi”.

‘Secondo il leader dell’Udc Draghi sarebbe stato l’unico che
“si è preso la responsabilità di richiamare tutti alla dura realtà”.

“E anche sul tesoretto – conclude – deve andare a ripianare
il debito pubblico. Le mance non servono, perché il tempo delle mance è finito”.