Pensioni, Confindustria: E’ incomprensibile smontare la Maroni

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Pensioni, Confindustria: E’ incomprensibile smontare la Maroni

09 Luglio 2007

Confindustria ribadisce ancora una volta il proprio no allo smantellamento della legge Maroni. “E’ incomprensibile” l’intenzione della maggioranza e del sindacato di ”smontare” una legge che invece ”sta funzionando bene”. Così il dg Maurizio Beretta.

A margine dell’audizione in Senato delle parti sociali su Dpef, il direttore generale di Confindustria ha detto: “Si sta registrando una pressione incomprensibile su una norma in vigore che sta funzionando, e cioé la somma della legge Maroni e della legge Dini, che sta dando buoni risultati. Qui si chiede con insistenza da parte del sindacato e da una parte della maggioranza una sorta di controriforma previdenziale, di cui francamente non si sente la necessità, se consideriamo come sta crescendo l’aspettativa di vita e come si stanno muovendo tutti i paesi europei”.

”Noi abbiamo una popolazione – ha concluso Beretta – che vive più a lungo, abbiamo un Europa che innalza ovunque l’età pensionabile e abbiamo in Italia un complesso di riforme che sta funzionando. Non si capisce questa insistenza a smontare una cosa che funzione e a fare una vera controriforma”.