Home News Pensioni, via al tavolo Governo-Parti sociali

Pensioni, via al tavolo Governo-Parti sociali

0
8

E' appena iniziato a palazzo Chigi l'incontro tra Governo e parti sociali su Dpef, previdenza e mercato del lavoro. Per il Governo sono presenti il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Enrico Letta, il ministro dell'Economia Tommaso Padoa Schioppa, quello del Lavoro, Cesare Damiano, quello delle politiche giovanili Giovanna Melandri e il vice ministro allo Sviluppo economico Sergio D'Antoni.

Le delegazioni di Cgil, Cisl e Uil sono guidate dai segretari generali di Guglielmo Epifani, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti. Per la Confindustria partecipa il direttore generale Maurizio Beretta. Per l'Ugl e' presente il segretario confederale Nazzareno Mollicone.

Intanto, il ministro alla Solidarietà sociale, Paolo Ferrero, ha ribadito la sua posizione sul tema delle pensioni: "Auspico che il tavolo si muova nella direzione indicata dal programma: l'abolizione dello scalone e l'aumento delle pensioni a partire dalle più basse". Ferrero ha poi auspicato che il tavolo del welfare istituito presso palazzo Chigi, comprenda, oltre al tema delle pensioni, le questioni relative alla casa, al servizio civile e al nodo degli anziani e delle non-autosufficienze. La questione abitativa "necessita di risorse immediate perché a ottobre abbiamo gli sfratti dei soggetti deboli", ha ricordato Ferrero. Quanto al servizio civile "mancano le risorse, rispetto a quelle previste". "C'è poi un altro punto - ha aggiunto - per il quale non è necessario che ci siano delle risorse adesso, ma che ci siano in Finanziaria: quello degli anziani e delle non-autosufficienze". L'esponente di Rifondazione Comunista ha poi ribadito la sua posizione sul tema delle pensioni, mentre a palazzo Chigi proseguono gli incontri tra il Governo e le parti sociali. "Auspico che il tavolo si muova nella direzione indicata dal programma", ha detto Ferrero: "L'abolizione dello 'scalone' e l'aumento delle pensioni a partire dalle più basse".

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here