Pistoia. Maltrattamenti nell’asilo, il Gip convalida l’arresto delle maestre

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Pistoia. Maltrattamenti nell’asilo, il Gip convalida l’arresto delle maestre

05 Dicembre 2009

Il gip di Pistoia ha convalidato l’arresto per Anna Laura Scuderi, 41 anni, e Elena Pesce, 28 anni, le due maestre dell’asilo "Cip e Ciop" di Pistoia, accusate di maltrattamento sui bambini, e arrestate mercoledì mattina dalla Squadra Mobile.

Il giudice, che ieri le ha interrogate nel penitenziario fiorentino di Sollicciano, ha disposto la custodia cautelare in carcere per entrambe. Il gip ha accolto così la richiesta del pm Ornella Galeotti, mentre l’avvocato Stefano Panconesi, legale di Anna Laura Scuderi, aveva chiesto gli arresti domiciliari per la sua assistita, e l’avvocato Giovanni Dini aveva chiesto la scarcerazione per Elena Pesce.

Le due maestre si trovano insieme in una cella per due nell’area isolamento del penitenziario fiorentino. Questo, viene spiegato, per evitare eventuali ritorsioni da parte di altre detenute. Certi reati come le violenze sui minori, infatti, sono mal sopportati dai detenuti comuni e potrebbero portare a episodi di violenza e intolleranza.

"La convalida degli arresti e le misure cautelari in carcere disposte dal giudice confermano la qualità e la completezza di un lavoro investigativo certamente non facile per la delicatezza dei fatti oggetto di indagine che abbiamo affrontato con il massimo impegno e professionalità sin dal primo momento". Lo ha detto il dirigente della squadra mobile della questura di Pistoia, Antonio Fusco commentando la convalida degli arresti di Anna Laura Scuderi e Elena Pesce. Il questore di Pistoia Maurizio Manzo ha poi rivelato che in queste ore stanno arrivando in questura telefonate da tutta Italia di semplici cittadini "che si complimentano con la polizia per il lavoro svolto".

Intanto, anche la rete s’interessa della vicenda dei bimbi maltratti nell’asilo nido Cip e Ciop di Pistoia e, oltre alle migliaia di contatti per visionare i video dell’orrore, su Facebook sono già sorti tre gruppi che inneggiano all’ergastolo o alla pena di morte per le due maestre arrestate. Il gruppo "Vogliamo l’ergastolo per Scuderi e Pesce" conta già 1062 membri mentre "vogliamo l’esecuzione pubblica" e "la pena di morte" contano finora 62 membri. Tra gli iscritti c’è chi inneggia alla lapidazione, chi augura alle due donne che seviziavano i bimbi, come si vede dal video reso noto dagli inquirenti toscani, una morte lenta, e chi invoca la "giustizia del popolo". Rosaria commenta: "È una cosa vergognosa io farei loro torture atroci e le metterei in isolamento a vita"; Anna sostiene che "anche condannandole all’ergastolo saremmo troppo clementi"; per Franco "nessun difensore professionalmente serio accetterebbe la difesa di queste due psicopatiche". E c’è chi dice: "Lasciatele un pomeriggio ai componenti di questo gruppo".