Ponte Messina:nel 2010 la prima pietra, pronto nel 2016

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Ponte Messina:nel 2010 la prima pietra, pronto nel 2016

26 Luglio 2008

Roma, 26 lug. (Apcom) – Per il ponte sullo Stretto di Messina "ci siamo dati l’obiettivo di riavviare a gennaio 2009 la progettazione definitiva e mettere la prima pietra a metà 2010, per vederlo realizzato nel 2016". Lo afferma il presidente dell’Anas, Pietro Ciucci, in un’intervista al settimanale ‘Il Valore’ . "Dobbiamo lavorare tantissimo – dice Ciucci – si tratta di un programma meditato e difficile ma realistico. Comunque entro l’anno attendiamo la decisione finale del governo su come e quanto finanziare la realizzazione del ponte. Nel corso del 2008 – aggiunge – dobbiamo inoltre aggiornare la convenzione e i contratti: i testi sono ancora validi ma, visto che sono passati due anni, è caduta un po’ di polvere e dobbiamo dargli una lucidata".

"Due anni – spiega il numero uno dell’Anas – non passano in maniera indolore. Le risorse pubbliche necessarie per realizzare il ponte ammontano a circa 2,2 miliardi, stanziati in linea con quanto stabilito con il precedente governo Berlusconi. Il piano finanziario per realizzazione del Ponte era prudenziale e non ci aspettiamo quindi grandi stravolgimenti. Le nuove risorse vanno trovate nel bilancio dello Stato e non più in Fintecna".

"Anas – continua Ciucci – è oggi titolare dell’80% delle azioni del ponte. Intendiamo replicare la struttura di base, che prevedeva circa il 40% di capitale proprio, attraverso un aumento di capitale, mentre la parte restante sarebbe da reperire sul mercato. Riteniamo – conclude – che sia un mix sostenibile, ma dobbiamo offrire agli investitori un progetto che sia di mercato e credibile. E non sarà facile convincerli dopo lo stop che c’è stato".

Glv