Home News Precari, Botta e risposta traVeltroni-Bonaiuti dopo la battuta del Cav.

Precari, Botta e risposta traVeltroni-Bonaiuti dopo la battuta del Cav.

0
14

Nuova polemica dopo la battuta pronunciata durante la trasmissione "Tg2 Punto di Vista" di Berlusconi nei confronti di una giovane precaria.

La ragazza chiede all'ex premier come può un giovane mettere su famiglia e affrontare un mutuo con la precarietà nel mondo del lavoro, e Berlusconi risponde così: "Da padre il consiglio che le do è quello di ricercarsi il figlio di Berlusconi o di qualcun'altro che non avesse di questi problemi. Con il sorriso che ha potrebbe anche permetterselo".

Una battuta, ovvio. Ma... apriti cielo.

La replica di Veltroni? "La risposta di Berlusconi racconta di una lontananza, di una distanza, di una separazione dai problemi che affliggono i ragazzi italiani". E poi: "La mia risposta - aggiunge l'ex sindaco di Roma - non sarebbe stata 'sposati bene', ma che nessun ragazzo o nessuna ragazza può avere meno di mille-millecento euro al mese" dice il candidato premier del Pd dal palco di una manifestazione a Mantova.

Inoltre, Veltroni spiega che per contrastare quella che è "la prima grande emergenza sociale del Paese bisogna usare lo strumento fiscale per aiutare le imprese che stabilizzano e disincentivare chi invece usa la precarietà anche come concorrenza sleale". "Non lo dico polemicamente - aggiunge - ma ci sono tante cose su cui si può scherzare, ce ne sono altre invece su cui si fa fatica, almeno da parte di chi non ha il compito di far divertire ma ha un ben altro compito".

A Veltroni risponde Paolo Bonaiuti, portavoce di Berlusconi: "Questo Partito democratico non ha proprio argomenti. Invece di proporre qualcosa di nuovo per fronteggiare la crisi economica, Veltroni non trova di meglio che attaccarsi ad una battuta di Berlusconi chiaramente scherzosa, e come tale accolta da tutti i presenti. Ancora una volta Veltroni si mette a fare la morale, com'è nella tradizione di questa vecchia sinistra, che ci lascia una crescita zero e ha saputo soltanto peggiorare le condizioni di tutti i lavoratori italiani, giovani e vecchi, precari, a reddito fisso e autonomi".

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here