Prodi pensa ai brogli di Putin

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Prodi pensa ai brogli di Putin

04 Dicembre 2007

Adesso sì che la situazione si fa seria. Romano Prodi ha alzato
la voce e ha chiesto al Cremlino di chiarire ogni dubbio sulle elezioni per il rinnovo
della Duma, il parlamento russo. Roba da far tremare i polsi anche ai vecchi e
feroci ufficiali del Kgb addetti alle operazioni speciali.

Pare di sentirlo, con la sua voce maschia e stentorea: “È
interesse di tutti, a cominciare dalle autorità russe, chiarire e
tranquillizzare la comunità internazionale e porre termine ai problemi ed agli
interrogativi sollevati”.

Insomma, secondo il Professore la comunità internazionale è
agitata, e ha bisogno che il presidente russo la rassereni sulla regolarità delle
elezioni.

Pare invece che dopo le dichiarazioni di Prodi, Putin abbia chiesto
ai suoi collaboratori di verificare a che punto sono a Montecitorio con il
riconteggio delle schede bianche, nulle e contestate delle ultime elezioni
politiche…