Raccontò il Covid da Wuhan: blogger condannata a 4 anni carcere

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Raccontò il Covid da Wuhan: blogger condannata a 4 anni carcere

Raccontò il Covid da Wuhan: blogger condannata a 4 anni carcere

28 Dicembre 2020

Zhang Zhan, la blogger che aveva diffuso notizie sull’epidemia di Covid-19 da Wuhan, è stata condannata a 4 anni di carcere da un tribunale di Shanghai, in Cina. La donna era accusata di aver pubblicato “informazioni false” nei suoi report sulle fasi iniziali della risposta cinese alla pandemia, poi condivisi sui social a febbraio scorso. “Zhang Zhan sembrava devastata alla lettura della sentenza”, ha riferito Ren Quanniu, uno dei legali di Zhang. La donna è in condizioni di salute preoccupanti a causa dello sciopero della fame iniziato a giugno e che l’ha costretta anche alla alimentazione forzata tramite un sondino nasale.

Zhang Zhan, ex avvocato di 37 anni, è da maggio scorso in carcere a Shanghai. La sentenza del tribunale di Shanghai ha motivato la colpevolezza per aver “raccolto litigi e provocato problemi” a seguito della segnalazione delle prime fasi della pandemia, quando si parlava di “polmonite misteriosa”. Zhang ha inviato “false informazioni attraverso testi, video e altri media attraverso gli internet media come WeChat, Twitter e YouTube”, secondo l’accusa e ha accettato interviste da media stranieri, come Radio Free Asia ed Epoch Times, che “hanno speculato malignamente sull’epidemia di Covid-19 a Wuhan”.