Rai. Tar dichiara illegittima la revoca di Petroni dal CdA Rai

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Rai. Tar dichiara illegittima la revoca di Petroni dal CdA Rai

16 Novembre 2007

La
III sezione ter del Tribunale amministrativo regionale del
Lazio, ha dichiarato illegittima la revoca di Angelo
Maria Petroni da componente del Cda della Rai. 

Accolte quindi le
argomentazioni proposte da Petroni per contestare la sua revoca
disposta dal ministero dell’Economia. Si attendono ora le motivazioni della decisione con cui il tribunale
ha annullato l’intera procedura che, lo scorso 11 settembre, ha portato
alla sostituzione dell’ex consigliere con Fabiano Fabiani.

In attesa di vedere quali saranno i passaggi amministrativi e quali effetti produrranno sull’attività del CdA
della Rai, su tutto quello che è stato nel frattempo approvato da
settembre in poi con Fabiani, Petroni vince quindi la prima battaglia di una lunga guerra legale. Si tratterà ora di vedere che ne sarà del
piano industriale triennale 2008-2010, di alcune nomine di rilievo e della
prima fase del nuovo piano editoriale.

Per il presidente
della Rai, Claudio Petruccioli, la decisione odierna del Tar del Lazio,
che ha deciso di annullare la revoca di Angelo Maria Petroni da
consigliere di amministrazione della tv pubblica “E’ un fatto rilevante
per la vita dell’azienda”.

Petruccioli, che si trovava alla Luiss per un convegno, ha
commentato a caldo la notizia. “Si tratta ora di vedere quali saranno le
conseguenze di questa decisione – ha spiegato Petruccioli – e quali
saranno le reazioni degli altri soggetti coinvolti in questa vicenda”.
Il riferimento è all’azionista ministero dell’Economia.