Regionali. Zaia: “Nessuno mi ha chiesto di candidarmi”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Regionali. Zaia: “Nessuno mi ha chiesto di candidarmi”

11 Novembre 2009

"A me nessuno ha chiesto di candidarmi. Unico obiettivo che ho è quello del ministero". Il ministro delle politiche agricole Luca Zaia commenta così l’ipotesi di una sua candidatura a presidente della Regione Veneto.

"In tutta sincerità non mi sono mai posto il problema. Questa è una notizia giornalistica che non trova riscontro. A me nessuno a chiesto di candidarmi. Ad oggi l’unico obiettivo che ho – ha detto Zaia – è quello di impegnarmi per il Ministero per le politiche agricole".

"Io – ha poi aggiunto rispondendo ad una domanda – non faccio confronti con il presidente, anche perchè apparteniamo a due epoche diverse. A me piacciono i cavalli per esempio, lui invece non frequenta il mondo dell’ippica. Io ho questo amore per il Veneto che credo accomuni tutti i veneti".

Quanto al suo attuale incarico Zaia ha spiegato che "un Ministro deve ritenersi un amministratore delegato di una multinazionale". Zaia ha poi rimarcato il suo impegno per il settore dell’ippica "uno dei guai che il Ministero si trova a gestire. Abbiamo in Italia oltre 350mila cavalli e 40 ippodromi. In questo momento c’è grande difficoltà. Intanto riporterei i cavalli in tv, che sono spariti dai tg e dalle cronache sportive. E poi magari si può mutuare l’esperienza dell’ippica in un reality".